APPLAUSI A MODENA

Scheda progetto MANUTENZIONI – UOMINI A NUDO

Riduzione teatrale tratta dal libro Uomini che odiano amano le donne, di Monica Lanfranco, edizioni Marea.

Premessa

Tutto comincia con un viaggio in treno e un articolo della rivista “ Internazionale”: la giornalista inglese Laurie Penny, (collaboratrice del Guardian) racconta di aver provato a fare alcune domande rivolte agli uomini sulla loro sessualità, chiedendo ai suoi contatti maschili, in forma anonima, se avessero avuto voglia di rispondere. In Italia ci ha provato Monica Lanfranco, che dal suo blog sul “Fatto quotidiano” ha lanciato sei domande, chiedendo agli uomini di rispondere alla sua email.

Per una volta, invece che parole di donne sulla sessualità e la violenza, si è chiesto agli uomini di esporsi, di soffermarsi a pensare su di loro, il loro corpo, il loro desiderio, i lati oscuri del loro genere.

Il libro Uomini che odiano amano le donne è il risultato del lavoro di raccolta e sistemazione delle oltre 200 risposte arrivate: è anche la testimonianza dell’esistenza di voci di uomini connotate da curiosità, voglia di capire e comunicare. L’intento del testo è di restituire questa interlocuzione, e di offrire a chi legge parole e riflessioni maschili su virilità, sesso, violenza, pornografia, desiderio.

La lettura delle risposte raccolte ha suscitato emozioni, assonanze e corrispondenze, tanto che ne abbiamo sentito le potenzialità espressive se trasposte in un testo teatrale. Sulla scena si dà voce ad una parte maschile diversa rispetto a quella tragicamente presente nella cronaca nera o nella ordinaria e ottusa rappresentazione televisiva: non si tratta infatti di soggetti caricaturali, ma di voci ‘normali’, riconoscibili, che dicono ciò che solitamente non viene detto apertamente, in una comunicazione che arriva diretta all’ascoltatore, che pensiamo non possa rimanere indifferente.

La pièce teatrale

L’adattamento teatrale, realizzato da Laura Guidetti, Monica Lanfranco e Ivano Malcotti, ha avuto come obiettivo quello di utilizzare parte delle risposte alle domande: Che cosa è per te la sessualità? Pensi che la violenza sia una componente della sessualità maschile più che di quella femminile? Cosa provi quando leggi di uomini che violentano le donne? Essere virile: che significa? La pornografia influisce, e come, sulla tua sessualità? creando delle situazioni diverse attraverso monologhi, letture corali, sketch, musica, al fine di commuovere emozionare indisporre ma anche far sorridere il pubblico.

La durata dello spettacolo è circa di 50 minuti. Il testo è deposito alla Siae.

La costituzione del cast

Trovare un numero di cittadini (da 7 a 10) interessati e disponibili ad interpretare il testo è per noi un passaggio cruciale in quanto pensiamo che nel territorio si possano promuovere dei percorsi di sviluppo della consapevolezza, superamento degli stereotipi di genere, critica del linguaggio e della cultura sessista attraverso la partecipazione e l’esperienza trasformativa. La narrazione infatti non si risolve in un atto accademico unidirezionale, ma coinvolge i corpi, le storie personali, le emozioni sedimentando conoscenza e sollecitando il cambiamento.

La scenografia

Anche lo spazio in cui ci si muove può essere messo a tema, inventando soluzioni creative che amplifichino i messaggi e facilitino la fruizione. È possibile utilizzare oggetti di uso comune, proiezioni video, fondali, ecc.

Le prove

Occorrono almeno due giorni pieni per la messa a punto, una volta che le parti sono state attribuite e quindi lette e comprese dagli attori.

La promozione

Oltre che utilizzare i social network e internet, verrà realizzata una locandina e un comunicato stampa.

Il film

Dalla realizzazione del libro in poi si è avviato un work in progress che ha visto aggiungere idee e crescere prodotti e progetti attorno al materiale iniziale, come in una ramificazione secondo inaspettate direzioni. Il film vuole rendere conto di tutto questo, per non perdere le relazioni e le realizzazioni venute in essere, per fare memoria, per promuovere il progetto sul territorio nazionale.

La collaborazione

La collaborazione richiesta potrebbe concretizzarsi in:

reperimento sala a titolo gratuito (con ingresso libero a offerta libera)

reperimento strumenti tecnici: amplificazione, schermo, luci

promozione.

Il contributo

Chiediamo un aiuto economico per coprire le spese vive e per la realizzazione del video: le spese dei viaggi per la formazione del cast (almeno 3 incontri) e un minimo da concordare per sostenere il progetto.

Annunci