Il progetto Manutenzioni per le SCUOLE SUPERIORI

4733LA PREGHIERA DI UN UOMO A MODENAWP_20140321_020

Uomini che odiano amano le donne – virilità sesso violenza: la parola ai maschi

Per-corso di formazione per giovani uomini nella scuola superiore contro la violenza e per il rispetto tra i generi

A cura di Monica Lanfranco www.monicalanfranco.it

monica.lanfranco@gmail.com 347 0883011

La proposta: una formula innovativa che mescola inchiesta, teatro sociale, social media e protagonismo giovanile

La proposta prende il via dall’inchiesta avviata dalla giornalista e attivista Monica Lanfranco, che dal suo blog sul Fatto quotidiano ha lanciato sei domande agli uomini sul loro corpo, chiedendo loro di rispondere via email. Le domande: 1) Che cosa è per te la sessualità? 2) Pensi che la violenza sia una componente della sessualità maschile più che di quella femminile? 3) Cosa provi quando leggi di uomini che violentano le donne? 4) Ti senti coinvolto, e come, quando si parla di calo del desiderio? 5) Essere virile: che significa? 6) La pornografia influisce, e come, sulla tua sessualità?

Per una volta, invece che parole di donne sulla sessualità e la violenza, si è chiesto agli uomini di esporsi, di mettersi in relazione, di soffermarsi a pensare su di loro, il loro corpo, il loro desiderio, i lati oscuri del loro genere.

L’autrice ha raccolto le 1800 risposte arrivate nel libro dal titolo Uomini che odiano amano le donne – virilità sesso violenza: la parola ai maschi, edito da edizioni Marea, (sono 300 i lettori che le hanno scritto) e pochi mesi dopo l’uscita del libro, con la collaborazione dell’autore teatrale Ivano Malcotti e di Laura Guidetti della rivista Marea è nata la piece teatrale Manutenzioni-Uomini a nudo, un progetto unico in Italia: è teatro sociale per uomini non attori professionisti, che mettono in scena le parole di altri uomini sulla sessualità e la violenza.

Sulla scena si dà voce ad una parte maschile diversa rispetto a quella tragicamente presente nella cronaca nera o nella ordinaria e ottusa rappresentazione televisiva: non si tratta infatti di soggetti caricaturali, ma di voci ‘normali’, riconoscibili, che dicono ciò che solitamente non viene detto apertamente, in una comunicazione che arriva diretta all’ascoltatore, che pensiamo non possa rimanere indifferente.

Nel 2013 sono andati in scena oltre 70 uomini (poliziotti, baristi, insegnanti, studenti, pensionati, docenti..) a Sussisa, Modena, Pinerolo, Macomer, Atzara, e nel 2014 a Sanluri, Bagnacavallo, Bassano del Grappa, Recco (9 giocatori della squadra Orche di rugby), Torino, Imola (11 consiglieri comunali). In autunno del 2014 ci saranno tra ottobre e novembre altre 2 rappresentazioni in Lombardia e in Veneto.

Alle repliche di Manutenzioni-Uomini a nudo hanno assistito oltre 2000 persone.

Hanno collaborato alla realizzazione della piece, tra le altre istituzioni e associazioni: il centro donna Demetra (Lugo), la casa delle donne (Modena), l’associazione Questa città (Bassano del Grappa), il centro polivalente di Macomer, il comune di Atzara, il gruppo Uomini in cammino di Pinerolo, il comune di Recco, la Regione Emilia Romagna. La durata dello spettacolo è circa di 50 minuti.

Tutte le rappresentazioni sono disponibili al sito manutenzionilapiece.wordpress.com

 Articolazione della proposta per le scuole medie superiori

Il progetto si compone di quattro fasi: 1) questionario, 2) costruzione del sito e della pagina facebook, 2) costruzione del cast e laboratorio, 4) spettacolo.

Il progetto intende ripartire proprio dalle sei domande, sottoponendole in forma anonima agli studenti dell’ultimo anno delle scuole superiori in modo da raccoglierle e utilizzarle poi per costruire una Manutenzioni-Uomini a nudo tutta con le parole e le riflessioni dei ragazzi.

Saranno quindi costruiti un sito e una pagina facebook dedicate nelle quali verranno periodicamente aggiornate le risposte e chi sarà disponibile a farsi filmare o a registrare audio le sue risposte anticipando ciò che ha pensato sulle sei domande contribuirà a costruire il mosaico di voci e voci dei giovani ‘manutentori’.

Si darà quindi il via alle candidature per la costruzione del gruppo di attori, con i quali si costruirà il copione e la successiva rappresentazione teatrale, che sarà la parte finale del progetto.

Le ragazze che vorranno partecipare saranno coinvolte, così come nella versione di Manutenzioni fatta con adulti fuori dalle scuole come voci narranti alla fine e all’inizio della piece.

A loro verrà chiesto di contribuire nel lavoro che parallelamente faranno i compagni con le loro risposte con pensieri sulla autopercezione della violenza maschile, e con eventuali azioni dentro la piece.

Come le altre rappresentazioni anche questa sarà filmata ed entrerà a far parte del materiale al sito già attivo della piece.

 Tempi di realizzazione

Si prevede di effettuare il progetto in un minimo di due/tre mesi, con almeno due incontri diretti con l’autrice oltre a quello in occasione del debutto.

Il monte ore di coinvolgimento delle classi e/o dei singoli studenti/studentesse varia a seconda delle esigenze e comunque non inferiore a 24 ore.

La parte relativa alla costruzione del sito, dei video, degli audio e del copione, oltre agli incontri reali, è realizzata con la periodica assistenza della giornalista, che a distanza via skype e social si tiene in contatto con il gruppo.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...